«Nel mondo di oggi c'è grande sete di Cristo e della libertà che Egli solo ci offre. Nelle case cattoliche e nella parrocchia i nostri fratelli devono trovare le fonti di acqua viva, le fonti di grazia divina, le fonti del Magistero della Chiesa e dei Sacramenti, specialmente, la Penitenza e la Sacra Eucaristia, che possono estinguere la sete spirituale di un mondo tristemente secolarizzato» (Cardinal Leo Raymond Burke, 26 Dicembre 2010)

mercoledì 20 febbraio 2019

“Cardinali e vescovi tacciono sulle vere cause degli abusi sessuali”



I cardinali Raymond Leo Burke e Walter Brandmüller, i due cardinali ancora in vita dei quattro che avevano firmato i famosi “Dubia”, hanno scritto una lettera aperta ai presidenti delle Conferenza episcopali mondiali presenti in Vaticano per il summit che dal 21 al 24 febbraio riunirà attorno al Papa i capofila della gerarchia cattolica mondiale sul tema della protezione dei minori e degli adulti vulnerabili.

Ecco il testo multilingue:

LETTERA APERTA AI PRESIDENTI DELLE CONFERENZE EPISCOPALI

Cari Confratelli, Presidenti delle Conferenze Episcopali,

Ci rivolgiamo a Voi con profonda afflizione!

Il mondo cattolico è disorientato e si pone una domanda angosciante: dove sta andando la Chiesa?

Di fronte alla deriva in atto, sembra che il problema si riduca a quello degli abusi dei minori, un orribile crimine, specialmente quando perpetrato da un sacerdote, che però è solo parte di una crisi ben più vasta. La piaga dell’agenda omosessuale è diffusa all’interno della Chiesa, promossa da reti organizzate e protetta da un clima di complicità e omertà. Le radici di questo fenomeno evidentemente stanno in quell’atmosfera di materialismo, di relativismo e di edonismo, in cui l’esistenza di una legge morale assoluta, cioè senza eccezioni, è messa apertamente in discussione.

Si accusa il clericalismo per gli abusi sessuali, ma la prima e principale responsabilità del clero non sta nell’abuso di potere, ma nell’essersi allontanato dalla verità del Vangelo. La negazione, anche pubblica, nelle parole e nei fatti, della legge divina e naturale sta alla radice del male che corrompe certi ambienti della Chiesa.

Di fronte a questa situazione, cardinali e vescovi tacciono. Tacerete anche Voi in occasione della riunione convocata in Vaticano il prossimo 21 febbraio?

Siamo tra coloro che nel 2016 interpellarono il Santo Padre sui “dubia” che dividevano la Chiesa dopo le conclusioni del Sinodo sulla famiglia. Oggi quei “dubia” non solo non hanno avuto risposta, ma sono parte di una più generale crisi della fede. Perciò, Vi incoraggiamo ad alzare la voce per salvaguardare e proclamare l’integrità della dottrina della Chiesa.

Preghiamo lo Spirito Santo perché assista la Chiesa e illumini i pastori che la guidano. Un atto risolutore ora è urgente e necessario. Confidiamo nel Signore che ha promesso: “Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo” (Mt 28, 20).

Walter Card. Brandmüller
Raymond Leo Card. Burke



***



Liebe Mitbrüder!

Wir wenden uns an Euch bewegt von tiefer Sorge.

Viele Gläubige in aller Welt haben gleichsam den Kompass verloren. Sie stellen sich die bange Frage: wohin treibt die Kirche?

Es macht besorgt zu sehen, dass man angesichts der sexuellen Skandale versucht, das eigentliche Übel nur im Missbrauch von Kindern zu suchen. Dieser ist gewiss ein abscheuliches Verbrechen, besonders wenn es von Priestern begangen wird. Dennoch geht es dabei weit mehr um das umfassendere Übel homosexueller Netzwerke, die sich hinter einem Schutzwall von Komplizenschaft und Schweigen im Inneren der Kirche ausgebreitet haben. Ein Phänomen, das in jener Atmosphäre von Materialismus, Hedonismus und Relativismus wurzelt, in der die Existenz eines absoluten, ohne Ausnahme verpflichtenden Sittengesetzes offen infrage gestellt wird.

Verantwortlich für den sexuellen Missbrauch, sagt man nun, sei “Klerikalismus”. Aber die wahre Ursache dafür ist nicht Machtmissbrauch durch Priester, sondern Abkehr von der Wahrheit des Evangeliums. Der sogar öffentlich erhobene Widerspruch in Wort und Tat gegen das natürliche und göttliche Sittengesetz ist in Wahrheit die Wurzel jenes Übels, das gewisse Kreise der Kirche korrumpiert.

Dennoch verharren angesichts dieser Situation Kardinäle und Bischöfe in Schweigen. Werdet auch ihr, liebe Mitbrüder, schweigen, wenn ihr nun im Vatikan am kommenden 21. Februar zusammenkommen werdet?

Wir gehören zu denen, die dem Heiligen Vater im Jahr 2016 unsere Zweifelsfragen (“Dubia”) zu “Amoris laetitia” vorgelegt haben. Heute ist es so, dass die “Dubia” nicht nur keine Antwort erfahren haben, sondern als Ausdruck einer allgemeineren Krise des Glaubens erscheinen. Deshalb ermutigen wir euch, eure Stimme zu erheben, um die unverkürzte Lehre der Kirche in Wort und Tat zu bewahren und zu bezeugen.

Bitten wir den Heiligen Geist, der Kirche beizustehen und ihre Hirten zu erleuchten. Ein mutiger Akt, der Klarheit schafft, ist nun dringend notwendig. Wir vertrauen auf das Wort des Herrn, der verheißen hat: “Ich bin bei euch alle Tage bis ans Ende der Welt” (Mt 28,20)

Mit brüderlichem Gruß

Walter Kard. Brandmüller
Raymond Leo Kard. Burke



***

Caros irmãos, Presidentes das Conferências Episcopais,

É com profunda aflição que nos dirigimos a todos vós!

O mundo católico está desorientado e levanta uma pergunta angustiante: para onde está indo a Igreja?

Diante desta deriva, hoje em curso, pode parecer que o problema se reduz ao problema dos abusos de menores, um crime horrível, especialmente se perpetrado por um sacerdote, que, todavia, não é senão uma parte de uma crise bem mais ampla. A chaga da agenda homossexual difunde-se no seio da Igreja, promovida por redes organizadas e protegida por um clima de cumplicidade e de conspiração de silêncio (“omertà”). Como é evidente, as raízes deste fenómeno encontram-se nessa atmosfera de materialismo, relativismo e hedonismo, em que se põe abertamente em discussão a existência de uma lei moral absoluta, ou seja, sem excepções.

Acusa-se o clericalismo de ser responsável pelos abusos sexuais, mas a primeira e a principal responsabilidade do clero não recai sobre o abuso de poder, mas em se ter afastado da verdade do Evangelho. A negação, até mesmo em público, por palavras e nos factos, da lei divina e natural, está na raiz do mal que corrompe certos ambientes da Igreja.

Diante de tal situação, cardeais e bispos calam. Também vós vos calareis aquando da reunião convocada para o próximo dia 21 de Fevereiro, no Vaticano?

Em 2016, estivemos entre os que interpelaram o Santo Padre acerca dos “dubia” que dividiam a Igreja após a conclusão do Sínodo sobre a família. Hoje, esses “dubia” não só continuam sem receber qualquer resposta, mas são apenas parte de uma crise da fé mais geral. Por isso, vimos encorajar-vos a que levanteis a vossa voz para salvaguardar e proclamar a integridade da doutrina da Igreja.

Rezamos e pedimos ao Espírito Santo para que assista a Igreja e ilumine os pastores que a guiam.  Neste momento, é urgente e necessário um acto resolutório. Confiamos no Senhor que nos prometeu: “Eu estarei sempre convosco até ao fim dos tempos” (Mt 28, 20).

Walter Card. Brandmüller
Raymond Leo Card. Burke

***

OPEN LETTER TO THE PRESIDENTS OF THE CONFERENCES OF BISHOPS

Dear Brothers, Presidents of the Conferences of Bishops,

We turn to you with deep distress!

The Catholic world is adrift, and, with anguish, the question is asked: Where is the Church going?

Before the drift in process, it seems that the difficulty is reduced to that of the abuse of minors, a horrible crime, especially when it is perpetrated by a priest, which is, however, only part of a much greater crisis. The plague of the homosexual agenda has been spread within the Church, promoted by organized networks and protected by a climate of complicity and a conspiracy of silence. The roots of this phenomenon are clearly found in that atmosphere of materialism, of relativism and of hedonism, in which the existence of an absolute moral law, that is without exceptions, is openly called into question.

Sexual abuse is blamed on clericalism. But the first and primary fault of the clergy does not rest in the abuse of power but in having gone away from the truth of the Gospel. The even public denial, by words and by acts, of the divine and natural law, is at the root of the evil that corrupts certain circles in the Church.

In the face of this situation, Cardinals and Bishops are silent. Will you also be silent on the occasion of the meeting called in the Vatican for this coming February 21st?

We are among those who in 2016 presented to the Holy Father certain questions, “dubia,” which were dividing the Church in the wake of the conclusions of the Synod on the Family. Today, those “dubia” have not only not had any response but are part of a more general crisis of the Faith. Therefore, we encourage you to raise your voice to safeguard and proclaim the integrity of the doctrine of the Church.

We pray to the Holy Spirit, that He may assist the Church and bring light to the Pastors who guide her. A decisive act now is urgent and necessary. We trust in the Lord Who has promised: “Behold I am with you all days, even to the consummation of the world” (Mt 28,20).

Walter Cardinal Brandmüller
Raymond Leo Cardinal Burke



***

CARTA ABIERTA A LOS PRESIDENTES DE LAS CONFERENCIAS EPISCOPALES

Estimados Hermanos, Presidentes de las Conferencias Episcopales:

¡Nos dirigimos a vosotros con profunda aflicción!

El mundo católico está desorientado y se plantea una pregunta llena de angustia: ¿hacia dónde está yendo la Iglesia?

Ante la deriva que está en marcha, parece que el problema esté reducido al de los abusos de menores,  un crimen horrible sobre todo cuando quien lo perpetra es un sacerdote, pero que, sin embargo, es sólo parte de un crisis mucho más amplia. La plaga de la agenda homosexual se ha extendido dentro de la Iglesia, fomentada por redes organizadas y protegida por un clima de complicidad y silencio. Las raíces de este fenómeno se encuentran, es evidente, en esa atmósfera de materialismo, relativismo y hedonismo en la que la existencia de una ley moral absoluta, es decir, sin excepciones, es puesta en discusión abiertamente.

Se acusa al clericalismo por los abusos sexuales, pero la responsabilidad primera y principal del clero no es el abuso de poder, sino el haberse alejado de la verdad del Evangelio. La negación, también pública, con palabras y hechos, de la ley divina y natural, es la raíz del mal que corrompe a determinados ambientes de la Iglesia.

Ante esta situación, hay cardenales y obispos que permanecen en silencio. ¿También vosotros permaneceréis en silencio con ocasión de la reunión convocada en el Vaticano el próximo 21 de febrero?

Formamos parte de quienes, en 2016, interpelaron al Santo Padre sobre los “dubia” que dividían a la Iglesia tras las conclusiones del Sínodo sobre la familia. Hoy, esos “dubia” no sólo no han recibido aún respuesta, sino que son también parte de una crisis de fe más general. Por tanto, os animamos a elevar vuestra voz para salvaguardar y proclamar la integridad de la doctrina de la Iglesia.

Rezamos al Espíritu Santo para que ayude a la Iglesia e ilumine a los pastores que la guían. Es urgente y necesario un acto resolutorio. Confiamos en el Señor, que prometió: “Y sabed que yo estoy con vosotros todos los días, hasta el final de los tiempos” (Mt 28, 20).

Walter Card. Brandmüller
Raymond Leo Card. Burke

***

LETTRE OUVERTE AUX PRÉSIDENTS DES CONFÉRENCES ÉPISCOPALES
Confrères, Présidents des conférences épiscopales,

Nous nous adressons à vous avec une grande tristesse.

Le monde catholique est désorienté et se demande avec angoisse : où va l’Église ?

Face à la dérive en cours, il semble que le problème se réduise à celui des abus sur les mineurs – un crime horrible, tout particulièrement quand il est commis par un prêtre, mais qui n’est qu’un élément d’une crise bien plus vaste. Telle une plaie, la cause homosexuelle se répand dans l’Église, promue par des réseaux organisés et protégée par un climat de complicité et d’omertà. Les racines de ce phénomène se trouvent évidemment dans ce mélange de matérialisme, de relativisme et d’hédonisme qui refuse absolument l’existence d’une loi morale absolue, c’est-à-dire qui ne souffre pas d’exceptions.

On accuse le cléricalisme est d’être responsable des abus sexuels, mais la première et principale responsabilité du clergé n’est pas dans l’abus de pouvoir, mais dans le fait de s’être éloigné de la vérité de l’Évangile. La négation, y compris publique, dans les paroles comme dans les actes, de la loi divine et naturelle, est à la racine du mal qui corrompt certains secteurs de l’Église.

Face à cette situation, cardinaux et évêques se taisent. Vous tairez-vous également lors de la réunion convoquée ce 21 février au Vatican  ?

Nous sommes de ceux qui ont interpellé le Saint-Père en 2016 sur les “dubia” qui divisaient l’Église à l’issue des conclusions du Synode sur la famille. Aujourd’hui, ces “dubia” non seulement n’ont pas reçu de réponse mais s’inscrivent dans une crise de la foi bien plus générale. Nous voulons par conséquent vous encourager à faire entendre votre voix et à proclamer l’intégrité de la doctrine de l’Église.

Nous invoquons le Saint-Esprit pour qu’il assiste l’Église et éclaire les pasteurs qui la guident. Un acte décisif est aujourd’hui urgent et nécessaire. Nous mettons notre confiance dans le Seigneur qui a promis : « Voici que je suis avec vous tous les jours jusqu’à la fin du monde » (Mt 28, 20).

Walter Card. Brandmüller

Raymond Leo Card. Burke

domenica 20 gennaio 2019

"La Chiesa di oggi si trova in apostasia dalla Fede, non in scisma", dice il cardinale Raymond Burke



La Chiesa di oggi si trova in apostasia dalla Fede, non in scisma, ha detto il cardinale Raymond Burke a TheWandererPress.com (17 gennaio).

Vescovi, sacerdoti e laici "hanno di fatto abbandonato la Fede Cattolica sposando insegnamenti e pratiche che sono contrarie al Deposito della Fede", ha aggiunto.

Burke critica “il silenzio di così tanti cardinali e vescovi", che dovrebbero difendere la Fede "apertapente", perché nella tremenda confusione della Chiesa e nella sua crescente divisione "non può mai essere giusto" rimanere in silenzio.

mercoledì 19 dicembre 2018

Cardinale Burke: il Papa deve indagare sullo scandalo McCarrick

Un importante cardinale americano ha dichiarato a Raymond Arroyo di EWTN che Papa Francesco deve indagare sulle accuse contro l'ex arcivescovo Theodore McCarrick.

In una trasmissione del 13 dicembre di "The World Over", Arroyo ha intervistato il cardinale Raymond Burke su una serie di argomenti controversi che hanno scosso la Chiesa, inclusa la tesi del denunciante del Vaticano secondo cui l'ex arcivescovo di Washington era un omosessuale attivo che predicava i seminaristi.

"Queste accuse sono giustamente la causa di un grave scandalo nella nostra nazione", ha detto il cardinale Burke, "come ho potuto notare ogni volta che ho visitato la nostra nazione dal momento rivelazioni su Theodore McCarrick".

Qui il video all'intervista:

https://www.youtube.com/watch?v=vfB1KpLVS18

Fonte: https://www.lifesitenews.com/news/cardinal-burke-the-pope-must-investigate-mccarrick-scandal


lunedì 12 novembre 2018

I vescovi che emarginano il cardinale Burke sono scismatici?


Nei giorni scorsi, scrivendo dei mezzi silenziosi e nascosti per limitare la libertà di espressione, il vaticanista Marco Tosatti ha svelato la notizia che esiste un “consiglio”, dato verbalmente ai vescovi americani da un nunzio, di “non invitare nella diocesi persone come il cardinale Burke, e, se non è possibile evitare la sua presenza, non recarsi all’evento”.
“Certi cattolici critici del governo della Chiesa, cattolici in piena comunione con la Chiesa a norma del Canone 205, nonostante la loro dimostrabile comunione con il papa, sono spesso denigrati”, ha scritto Peters sul suo blog. “A volte questi vescovi sono stati etichettati come avversari o accusatori”.
In realtà, secondo Peters, la demonizzazione dei critici del governo della Chiesa “rischia di prendere una piega canonica”, proprio per chi accusa i chierici di “tradizionalismo antipapale”.
I vescovi che istruiscono altri vescovi ad evitarne degli altri, rifiutano di manifestare l’unità cristiana mettendosi in una posizione di non piena comunione con il Papa e con i vescovi fedeli a lui (anche se critici su alcune scelte). I vescovi che invitano a marginalizzare il cardinale Burke o altri chierici, non semplicemente denigrano verbalmente, ma potrebbero incorrere in uno scisma orizzontale (“il rifiuto … della comunione con i membri della Chiesa soggetti al Papa”, ex canone 751 del CIC). I prelati dovrebbero evitare scismi e persino azioni che suggeriscano atteggiamenti scismatici.
“Se tali vergognose direttive verbali contro il cardinale Raymond Leo Burke fossero davvero state emesse, dovrebbero essere ritirate silenziosamente e rapidamente”, ha concluso il noto canonista Ed Peters.
FONTE: http://www.lafedequotidiana.it/i-vescovi-che-si-rifiutano-di-associarsi-pubblicamente-al-cardinale-burke-sono-scismatici/

domenica 21 ottobre 2018

"Alcuni confondono l’amore verso il peccatore con la permissività o perfino l’approvazione del peccato"

Da un'omelia del cardinale Burke di Domenica 21 ottobre 2018:



“Ci siamo riuniti, in questi ultimi giorni, per riflettere sulla formidabile sfida assunta dai giovani e giovani adulti che vivono nella società contemporanea che è, in tante maniere, ribelle nei confronti di Dio e del Suo piano per la nostra felicità. Allo stesso tempo, ci sono quelli dentro la Chiesa che comprometterebbero la verità della dottrina e della vita morale per raggiungere una coesistenza fatale con una cultura profondamente secolarizzata. Ci sono all’interno della Chiesa, quelli che vorrebbero farci credere che la vita dello Spirito Santo dentro di noi indica un ideale che non tutti possono raggiungere, mentre non riconoscono che lo stesso Spirito Santo ci dà la forza della vita divina, cosicché anche la persona più debole diviene capace di vivere eroicamente cristiana. Som Prosper Guèranger descrive una situazione della Chiesa del suo tempo che è notevolmente simile alla nostra situazione. Egli scrive: ‘Oggi, avendo l’errore ripreso, con la connivenza dei battezzati, i suoi pretesi diritti, la carità di molti è diminuita rapidamente e la notte si stende di nuovo sopra un mondo agonizzante e freddo’. Nella Chiesa di oggi, molti, mossi da emozioni e sentimentalismo, confondono l’amore verso il peccatore con la permissività o perfino l’approvazione del peccato. In verità, come dimostra Cristo molto chiaramente nel Vangelo e come sant’Agostino insegna, dobbiamo amare il peccatore ma allo stesso tempo dobbiamo odiare il peccato”.

martedì 9 ottobre 2018

Steve Bannon e il cardinale Raymond Burke al lavoro per un'accademia presso l'antica Certosa di Trisulti


Steve Bannon, l’ex primo consigliere e stratega di Donald Trump, sta organizzando - insieme al cardinale Raymond Burke [...] - una sorta 
di accademia teocon nella antica Certosa di Trisulti, in 
provincia di Frosinone. Un progetto che parte da lontano, e che inizialmente è stato tenuto a battesimo dal cardinale Raffaele Martino, membro del board dell’associazione 
Dignitatis Humanae Institute, una fondazione nata a due passi dal 
Vaticano per rispondere alla "crescente intolleranza secolarista 
contro i cristiani". L'associazione ha avuto, lo scorso febbraio, la concessione dell'ex ministro della cultura, Franceschini.

Il cardinale Burke già 
allora era presidente del comitato consultivo dell’istituto. Oggi 
è un punto di riferimento teologico e morale di quella parte di Chiesa piuttosto critica verso tutte le aperture [... moderniste].

Steve Bannon, ha spiegato alla agenzia Reuters, il progetto in cantiere e la 
preparazione di una accademia per l’occidente giudeo-cristiano, 
mentre un altro corso, intitolato al cardinale Renato Raffaele 
Martino, presidente onorario dell’istituto, sarà incentrato sui temi 
pro-life. I corsi inizieranno l’anno prossimo, e l’ex monastero 
può ospitare 250-300 persone. Burke ha confermato che lavorerà insieme a Bannon e Harnwell per 
promuovere diversi progetti che dovrebbero dare un decisivo 
contributo alla difesa di quel che si suoleva chiamare Cristianità. [...]

Estratto

Franca Giansoldati
https://www.ilmessaggero.it/primopiano/vaticano/papa_francesco_bannon_trump_burke_vaticano_curia_pedofilia_usa-3979164.html

lunedì 17 settembre 2018

lI Cardinal Burke chiede ancora una risposta ai Dubia


I dubia devono avere una risposta, o prima o dopo", "mi aspetto una risposta semplice, sì o no, basta, non è complicato".
Lo ha detto il cardinale statunitense, Raymond Leo Burke, in una conferenza al Senato promossa nell'anniversario della scomparsa del cardinale Carlo Caffarra, in cui ha risollevato la questione dei "dubia", le domande avanzate al Papa da quattro cardinali, tra cui lo scomparso Caffarra, per fare chiarezza dopo la pubblicazione del documento aperturista su matrimonio e famiglia Amoris Laetitia. Burke ha aggiunto che resta in piedi anche l'iniziativa della "correctio filialis" al Papa anche se ha precisato, "parlarne ora è complicato" ma, "restano i dubia che sono ai fondamenti della vita cristiana e devono avere una risposta", "io spero ogni giorno e prego ogni giorno per questo". Rispondendo a una domanda, Burke ha adombrato anche la possibilità che il silenzio del Papa sui "dubia" abbia influito sul peggioramento delle condizioni di salute di Caffarra, poi scomparso.

mercoledì 12 settembre 2018

Il cardinal Raymond L.Burke ricorda la figura e il magistero di Caffarra


In occasione dell’anniversario della morte del cardinale Carlo Caffarra, il cardinal Raymond L.Burke è intervenuto nella sala dei caduti di Nassirya, presso il Senato, per ricordare la figura e il magistero di Caffarra e per presentare gli atti integrali del convegno svoltosi a Roma lo scorso sette aprile, intitolato “Chiesa cattolica, dove vai? Solo un cieco può negare che nella Chiesa vi sia una grande confusione”
Oltre Burke e Flora Gualdani, moderati da Francesco Agnoli, sono intervenuti la senatrice Anna Maria Bernini e il senatore Gaetano Quagliariello.

(Foto Umberto Pizzi – riproduzione riservata)
Fonte: https://formiche.net/gallerie/burke-caffarra-senato/

giovedì 30 agosto 2018

Il 6 settembre il Cardinal Burke al Senato per “Chiesa cattolica dove vai?” e per ricordare il cardinal Caffarra


Cardinal Burke, Lei è stato prefetto del Supremo tribunale della Segnatura apostolica, per volere di Benedetto XVI. Perchè il papa la chiamò a questo ruolo?

Da quello che so, Papa Benedetto XVI voleva nominare il Card. Agostino Vallini, allora Prefetto della Segnatura Apostolica, all’ufficio di Vicario di Roma, e mi ha scelto come suo successore a ragione della mia preparazione in diritto canonico e della mia previa esperienza quale Difensore del Vincolo presso la Segnatura dal settembre del 1989 al febbraio del 1995.

Si dice che con Benedetto XVI Lei sia stato il suo consigliere per la Chiesa americana, oggi nuovamente travolta dallo scandalo di sacerdoti e persino cardinali accusati di atti omosessuali e di pedofilia. E’ vero? Cosa sta succedendo in America?

Non sono stato, in verità, il consigliere di Papa Benedetto XVI per gli Stati Uniti. Non so chi ha adempiuto quella responsabilità. Ho servito in varie congregazioni della Curia Romana, inclusa la Congregazione per i Vescovi, sperando in questo modo di aiutare il Santo Padre, anche in quello che riguardava gli Stati Uniti. È chiaro che esiste una certa cultura omosessuale nella gerarchia americana che deve essere purificata alla radice. Quelli che hanno promosso o protetto gli operatori dentro questa cultura devono adesso prendere la loro responsabilità. La suprema autorità della Chiesa deve investigare tutte le accuse per scoprire la verità e prendere l’azione appropriata per disciplinare la situazione, applicando le giuste pene medicinali e espiatorie.

L’America sta dibattendo soprattutto il caso del cardinale progressista Theodore Edgar McCarrick , costretto a dimettersi da cardinale. Chi è Theodore Edgar McCarrick e di cosa è accusato?

“McCarrick è un sacerdote della Arcidiocesi di New York che è stato Vescovo Ausiliare di New York, Vescovo di Metuchen, Arcivescovo di Newark, e poi Cardinale Arcivescovo di Washington, D.C. È stato un prelato di forte influsso nella Conferenza dei Vescovi negli Stati Uniti, frequentemente parlando in nome della Conferenza. È accusato di aver commesso gravissimi peccati con giovani, specialmente seminaristi, e adulti, in tutti le diocesi in cui ha servito. Gli atti di cui egli è accusato sono gravissimi in se stessi. Ma c’è in più la questione di come egli è stato promosso da una diocesi ad un’altra, quando certamente, in ogni luogo, qualcuno sapeva dei suoi crimini. Il suo caso chiama in questione non soltanto la sua condotta ma anche la condotta delle autorità nella Chiesa che hanno dovuto intervenire e disciplinare la situazione così scandalosa e non l’hanno fatto. Invece,  hanno lasciato  che venisse promosso o hanno partecipato nella sua promozione.

Moltissimi americani, cattolici e non, non credono che il cardinal Kevin Farrell, creato cardinale da Francesco e posto a capo del Dicastero laici e famiglia, possa aver ignorato i comportamenti dell’uomo con cui ha vissuto per molti anni e del cui favore ha sempre goduto. Lei cosa ne pensa?

Non so niente di concreto riguardo al rapporto tra McCarrick e il Card. Farrell. Certamente, data la sua evidente vicinanza a McCarrick, è poco verosimile che Farrell non sapesse niente dei suoi atti gravemente peccaminosi.

Come fa un cattolico, oggi, di fronte a tanti scandali, a tanta mondanità, a non perdere la fede nella Chiesa?

Prima di tutto, di fronte a tutto questo scandalo, un cattolico deve ricordare che Cristo è il Capo della Chiesa. Il Papa è solo il Suo Vicario sulla terra, e il Papa perciò può tradire il suo alto ufficio. I grandi teologi e canonisti del Medioevo, per esempio, hanno discusso il caso di un Papa che devia dalla Fede, un papa eretico o apostata. I buoni cattolici devono avvicinarsi a Cristo, specialmente nella Sua Presenza Reale nel Sacramento dell’Eucaristia, e per l’incontro con Lui nel Sacramento della Penitenza. Infine si deve studiare il Magistero, specialmente tramite il Catechismo della Chiesa Cattolica, per non essere tirati in una direzione o nell’altra, causa la confusione e l’ errore che purtroppo sono entrati fortemente nella Chiesa. La preghiera e la penitenza sono assolutamente necessarie per aiutare il Corpo di Cristo in questo tempo così tumultuoso. La preghiera del Santo Rosario è particolarmente potente, per ottenere la riforma della Chiesa.

Oggi sono spesso i laici a difendere la Tradizione della Chiesa, e molti ecclesiastici sembrano impegnati a distruggere. E' così?

Ognuno di noi, secondo il nostro stato di vita e le nostre doti, deve difendere Cristo e la Sua Sposa, la Chiesa, con grande impegno e coraggio. Sì, ci sono sacerdoti che sembrano voler indebolire la Chiesa o distruggerla, ma ci sono molti più sacerdoti che lavorano fedelmente ogni giorno, annunciando la Fede nella sua integrità, offrendo la Santa Messa e gli altri Sacramenti, e governando con saggezza il gregge del Signore. I buoni laici, per il bene di tutta la Chiesa, devono esprimere ai sacerdoti erranti il loro dispiacere e chiamarli a riconoscere il loro ministero come pastori del gregge del Signore. Devono anche dare perseverante testimonianza a Cristo a casa, nella parrocchia, nel posto di lavoro, etc. Per questo è importante che siano ben formati nella dottrina e disciplina della Chiesa. Allo stesso tempo, non devono mancare di ringraziare e appoggiare i fedeli e generosi sacerdoti che soffrono molto in nostro tempo”.

Il 6 settembre lei parteciperà ad una conferenza, presso il Senato della Repubblica italiana, nella sala Nassyria, dalle 11 alle 12,  per presentare gli Atti del convegno dal titolo “Chiesa cattolica dove vai?” del 7 aprile scorso, e soprattutto per ricordare il defunto cardinal Carlo Caffarra (per i lettori: per poter partecipare, occorre inviare una mail a edizioni@fedecultura.com). Può dirci qualcosa sul teologo Caffarra?

Il compianto Card. Carlo Caffarra fu un teologo di altissima formazione che sapeva bene come applicare la teologia sana alle situazioni della vita cristiana quotidiana. Ha lasciato un inestimabile patromonio!

E sull’uomo Caffarra?

Aver conosciuto il Cardinale e aver goduto della sua amicizia è stato per me un grande dono del Signore. Come ho detto, al momento della sua morte, la sua anima era pura e piena di amore per il Signore e la Chiesa, Corpo Mistico di Cristo. C’era in lui una certa innocenza che gli permetteva di vedere le cose chiaramente e di parlare schiettamente. Egli, per me, è un modello su come un Cardinale della Santa Romana Chiesa deve servire fedelmente il Papa.

Fonte: http://lanuovabq.it/it/burke-inverosimile-che-farrel-non-sapesse-di-mccarrick

mercoledì 29 agosto 2018

Lettera di Viganò. Il cardinale Burke: "insistere nel conoscere la verità"


"La corruzione e il sudiciume che sono entrati nella vita della Chiesa devono essere purificati alle loro radici", ha affermato il Cardinale Vaticano Raymond Burke in risposta a una richiesta di LifeSite di commentare il rilascio della testimonianza dell'arcivescovo Carlo Viganò. La lettera di 11 pagine resa nota dall'ex nunzio papale negli Stati Uniti, rilasciata a LifeSiteNews e ad altre agenzie pubbliche1, è densa di rivelazioni di scandali all'interno della gerarchia.
"Le dichiarazioni fatte da un prelato dell'autorità dell'Arcivescovo Carlo Maria Viganò devono essere totalmente prese a cuore dai responsabili nella Chiesa", ha detto Burke. "Ogni dichiarazione deve essere soggetta ad indagine, secondo la prassi canonica della Chiesa, sperimentata nel tempo."
Testo completo della lettera esplosiva dell'Arcivescovo Viganò qui.

Oltre alle accuse principali riguardanti il fatto che papa Francesco conosceva gli abusi del cardinale Theodore McCarrick e ciò nonostante ha revocato le sanzioni che papa Benedetto aveva segretamente imposto a McCarrick, alcune delle altre dichiarazioni sensazionali includono:
  • Il cardinale Tarcisio Bertone, segretario di Stato sotto Papa Benedetto XVI, "ha notoriamente favorito la promozione di omosessuali in posizioni di responsabilità".
  • Il cardinale Pietro Parolin, attuale Segretario di Stato e ritenuto il maggior candidato a sostituire Francesco, "fu anche lui complice nel nascondere i misfatti di McCarrick".
  • Il cardinale Parolin ha proposto per la diocesi di San Diego il vescovo notoriamente di sinistra Robert McElroy
  • Papa Francesco ha avvisato Viganò, in quanto nunzio, che non avrebbe voluto negli Stati Uniti vescovi come l'arcivescovo di Philadelphia Charles Chaput: "Non devono essere di destra come l'arcivescovo di Filadelfia". Egli cita il Papa alla lettera.
Afferma il cardinale Burke: "Una volta assodata la verità di ogni dichiarazione, devono essere applicate sanzioni adeguate sia per il risanamento delle orribili ferite inflitte alla Chiesa e ai suoi membri, sia per la riparazione del grave scandalo causato".

Egli chiede a "tutti i buoni cattolici" di "insistere nel conoscere la verità" aggiungendo che "devono pregare e sacrificarsi per la Chiesa in questa temperie caotica".

Una purificazione, egli ha detto. "E tale purificazione può avvenire solo nel pieno rispetto della verità e senza compromessi".

Fonte: http://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2018/08/spaccatura-il-cardinale-burke-risponde.html#more

lunedì 27 agosto 2018

Il cardinale Raymond Leo Burke ha definito “sconvolgente” il documento di monsignor Carlo Maria Viganò


Il cardinale Raymond Leo Burke, ha definito il documento “sconvolgente”, invitando il Papa a “chiarire la sua posizione” e dicendo che è “chiaro che qualche azione deve essere compiuta … è giusto che si indaghi secondo le procedure per superare questa crisi. La Chiesa si trova in una situazione gravissima, l’unico modo è andare avanti e purificare la corruzione alla radice”.
Il referimento è a quanto accaduto due giorni fa, quando l’ex nunzio apostolico negli Stati Uniti monsignor Carlo Maria Viganò, pubblicando 11 pagine  di una lettera, ha svelato gli intrighi del cosiddetto “scandalo McCarrick”, rendendo noto al mondo una serie di avvertimenti al Vaticano riguardanti il ​​cardinale Theodore McCarrick che sono stati inascoltati.
Il porporato americano definisce il testo di Viganò “molto coraggioso e immagino che l’ex nunzio sia ben preparato a rispondere agli attacchi anche personali che potrebbe ricevere”.
Per quanto concerne le carte di Joseph Ratzinger sulla lobby gay, di cui parla Viganò, Burke dice di non sapere dove siano finite. Aggiunge però di non aver “mai avuto dubbi che vi fosse un problema di una cultura omosessuale che stava diffondendosi nella Chiesa”.

Nei giorni scorsi il cardinale Raymond Leo Burke, attraverso un intervista concessa a Thomas McKenna, il presidente dell’americana Catholic Action for Faith and Family, aveva detto: “la maggior parte degli atti di abusi sessuali sono in realtà atti omosessuali commessi con giovani adolescenti”.

“C’è stato un tentativo studiato di ignorare o negare questo rapporto con l’omosessualità”, ha dichiarato il cardinale.
“Sembra chiaro che in effetti esista una cultura omosessuale, non solo tra il clero ma anche all’interno della gerarchia, che deve essere purificata alla radice. È ovviamente una tendenza che è disordinata”.

mercoledì 22 agosto 2018

Raymond Burke e Athanasius Schneider alla Conferenza delle famiglie cattoliche della Lumen Fidei


L'Istituto Lumen Fidei ospita la "Conferenza delle famiglie cattoliche" dal 22 al 23 agosto a Dublino. Il portavoce Anthony Murphy ha detto che si concentrerà sull'enciclica di Papa Pio XI  Casti Connubii,  che ha anticipato  Humanae Vitae  nel suo insegnamento sul matrimonio, la procreazione e la contraccezione. Coloro che parteciperanno alla conferenza ascolteranno un discorso video-registrato dal cardinale statunitense Raymond Burke e il vescovo kazako Athanasius Schneider.

sabato 18 agosto 2018

Il cardinale Burke: "Gli abusi sessuali sono atti omosessuali"

Secondo il cardinale Raymond Leo Burke "la maggior parte degli atti di abusi sessuali sono in realtà atti omosessuali commessi con giovani adolescenti".
La denuncia è stata lanciata dal porporato americano attraverso un intervista concessa a Thomas McKenna, il presidente dell’americana Catholic Action for Faith and Family.
"C'è stato un tentativo studiato di ignorare o negare questo rapporto con l’omosessualità", ha dichiarato il cardinale. "Sembra chiaro che in effetti esista una cultura omosessuale, non solo tra il clero ma anche all'interno della gerarchia, che deve essere purificata alla radice. È ovviamente una tendenza che è disordinata".

martedì 7 agosto 2018

Le foto del cardinal Burke che ha ordinato 4 nuovi sacerdoti dell'Istituto Cristo Re Sommo Sacerdote

Il 2 Agosto 2018 sua eminenza il Cardinale Raymond Leo Burke ha ordinato un suddiacono e quattro nuovi sacerdoti per l'istituto di Cristo Re - Sommo Sacerdote.

On August 2nd, 2018 at St. Francis de Sales Oratory, His Eminence, Raymond Leo Cardinal Burke, ordained a subdeacon and four new priests for the Institute of Christ the King - Sovereign Priest.

















sabato 28 luglio 2018