«Nel mondo di oggi c'è grande sete di Cristo e della libertà che Egli solo ci offre. Nelle case cattoliche e nella parrocchia i nostri fratelli devono trovare le fonti di acqua viva, le fonti di grazia divina, le fonti del Magistero della Chiesa e dei Sacramenti, specialmente, la Penitenza e la Sacra Eucaristia, che possono estinguere la sete spirituale di un mondo tristemente secolarizzato» (Cardinal Leo Raymond Burke, 26 Dicembre 2010)

martedì 29 novembre 2016

Anche il vescovo di Philadelphia Chaput chiede chiarimenti sull'Amoris Laetitia

«Se il documento [Amoris laetitia, ndr] contiene elementi che alcuni studiosi cattolici seri vedono come ambigui, i problemi che sollevano devono essere affrontati in modo onesto e diretto». Lo ha detto il vescovo di Philadelphia, monsignor Charles Chaput, rispondendo a una domanda del Catholic World Report a proposito dei dubia sollevati da quattro cardinali in merito all’interpretazione del capitolo VIII dell’esortazione apostolica.
In un contesto come quello del mondo occidentale, dove «la cultura non è amichevole con il Vangelo», i cristiani si confrontano con «confusione e mancanza di chiarezza» sui temi del matrimonio, della famiglia e l’identità sessuale. E bisogna ricordare che «l’ambiguità circa la comunione ai divorziati risposati civilmente impatta sulla nostra comprensione non di uno, ma di due sacramenti: il matrimonio e l’eucaristia».
«I nostri orientamenti diocesani per Amoris laetitia, emessi a luglio, sono emersi da una consultazione molto approfondita. E sono stati bene accolti. Altri vescovi hanno preso misure simili, e spero che altri facciano lo stesso. E’ responsabilità del vescovo locale governare e insegnare».

Fonte: http://sinodo2015.lanuovabq.it/mons-chaput-i-dubia-vanno-affrontati-in-modo-onesto-e-diretto/
g

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.