«Nel mondo di oggi c'è grande sete di Cristo e della libertà che Egli solo ci offre. Nelle case cattoliche e nella parrocchia i nostri fratelli devono trovare le fonti di acqua viva, le fonti di grazia divina, le fonti del Magistero della Chiesa e dei Sacramenti, specialmente, la Penitenza e la Sacra Eucaristia, che possono estinguere la sete spirituale di un mondo tristemente secolarizzato» (Cardinal Leo Raymond Burke, 26 Dicembre 2010)

sabato 31 marzo 2018

I 'Guerrieri del Rosario' in preghiera con il Cardinale Burke la domenica di Pasqua



Domani 1 aprile, Domenica di Pasqua, come il primo giorno di ogni mese, Sua Eminenza il Cardinale Raymond Leo Burke celebra la Santa Messa alle ore 11:00. a Firenze, presso la Chiesa dei Santi Michele e Gaetano e, dopo, pregherà il Santo Rosario per 'prendere d'assalto il Cielo' con la Preghiera.

Rimaniamo fedeli a questa esperienza forte di preghiera ci vede uniti già da due anni [precedenti a partire da qui]. E intensifichiamola, soprattutto in relazione alle vicende che vedono il nostro Cardinale impegnato a riaffermare con parresìa l'insegnamento costante della Chiesa. Ricordando Padre Pio: « Il Santo Rosario è l'arma per questi tempi ».
In questo mese dedicato a San Giuseppe, in suo onore ed in difesa della famiglia, rinnoviamo il nostro fervore e preghiamo più che mai. Ricordiamo che lo scorso anno il cardinal Carlo Caffarra ha confermato [qui] le parole rivoltegli da Suor Lucia di Fatima: "l'ultima battaglia di Satana contro Dio riguarderà la famiglia e il matrimonio". Fu proprio lui che ebbe da Giovanni Paolo II l’incarico di ideare e fondare il Pontificio Istituto per Studi su Matrimonio e Famiglia che purtroppo oggi è stato pesantemente epurato dei membri non allineati ai nuovi cambi di paradigma della rivoluzione bergogliana. [vedi].

Ricordiamo a tutti voi, compagni Guerrieri del Rosario che ci uniremo dai quattro angoli della terra per elevare insieme la nostra voce al Cielo. Gli oltre 101.000 Guerrieri del rosario reciteranno il Santo Rosario e prenderanno d'assalto il Cielo con la Preghiera, in unione alla Santa Messa celebrata dal Cardinale Burke.

Ricordiamo che Suor Lucia dos Santos, la veggente di Fatima,disse che "la lotta finale con Satana avrebbe riguardato la famiglia e il matrimonio".
Quando direte il vostro Rosario, ricordate di pregare per le intenzioni di tutti i Guerrieri del Rosario, così come loro pregano anche per le vostre.

« Il potere del Rosario è superiore ad ogni descrizione! » affermava l'Arcivescovo Fulton Sheen. Usate dunque questa preghiera potente per prendere d'assalto il Cielo e rivolgere a Dio e alla Benedetta Vergine Maria le seguenti intenzioni:
  • In riparazione dei peccati e delle offese nei confronti del Cuore Immacolato di Maria;
  • Per il Papa, per vescovi, preti e religiosi in tutto il mondo. Che possano crescere nell'amore di Dio e della Sua Santa Chiesa. E che possano avere la forza, la saggezza ed il coraggio per insegnare sempre la Verità, difendere la Fede e condurre le anime alla salvezza eterna;
  • Perché la cultura della vita sconfigga la cultura della morte;
  • Perché tutti coloro che tutelano l'ordine e la giustizia possano essere protetti da San Michele Arcangelo nel compimento dei loro doveri quotidiani;
  • Perché ognuno di noi cresca nella devozione alla Vergine Benedetta e si radichi sempre più nel Sacro Cuore di Gesù;
  • Perché possa essere dissipata ogni confusione dai cuori e dalle menti di tutti gli uomini e possa risplendere in essi la Luce della Verità;
  • Per le nostre famiglie e per l'istituto familiare così sotto attacco nel nostro mondo;
  • Per la conversione di tutti alla vera fede e perché i peccatori cambino vita;
  • Perché si estenda sempre più la schiera delle anime fedeli;
  • Per la nostra amata Nazione e per ogni nazione della terra. Noi italiani preghiamo anche perché l'Italia non venga travolta dal nemico esterno (invasione musulmana + poteri forti) e da quello interno; perché ritrovi la sua unità nel vero Cattolicesimo;
  • Per tutte le intenzioni personali che vengono affidate alla Operation Storm Heaven 'Operazione Assalto al cielo.

venerdì 23 marzo 2018

Il cardinale Raymond Leo Burke parla delle devozioni presso il Santuario di Nostra Signora di Guadalupe

Il cardinale Burke parla delle devozioni.
Il Santuario di Nostra Signora di Guadalupe è un luogo dove puoi elevare il tuo cuore e la tua mente a Dio - una chiamata alla preghiera e alla devozione che ci preparano ad incontrare Dio personalmente.



Cardinal Burke speaks about devotions. The Shrine of Our Lady of Guadalupe is a place where you can raise your heart and mind to God - a call to prayer and devotion that prepare us to encounter God more personally.


venerdì 16 marzo 2018

Cinque giudici, tra cui il cardinal Burke, hanno dichiarato colpevole di abusi sessuali l'Arcivescovo Apuron


Il Tribunale Apostolico della Congregazione per la Dottrina della Fede, composto da cinque giudici tra cui il cardinale statunitense Raymond Burke, attraverso una nota vaticana datata venerdì 16 marzo 2018, ha trovato l'Arcivescovo di Agaña (Guam) Anthony Sablan Apuron "colpevole di alcune accuse [abusi sessuali] ed ha imposto all'accusato la pene della privazione della carica e il divieto di residenza presso l'arcidiocesi di Guam".

mercoledì 14 marzo 2018

I 10 vescovi di La Crosse, compreso il cardinal Burke, hanno affrontato sfide particolari


Ten men have served as bishops of the La Crosse Diocese since Pope Pius IX approved establishment of the diocese in 1868.
Following is a list of the bishops, the years served and some of their key accomplishments, gleaned from the sesquicentennial book “Feed my Lambs”:
Bishop Michael Heiss, 1868-1881 — The diocese’s first bishop saddled himself with a daunting task when he pledged to tend to the needs of every language group, which included English-speaking, American-born Catholics and Native Americans, as well as immigrant populations from Ireland, German, French Canada, Bohemia, Poland and Italy. Heiss laid the cornerstone for the new St. Joseph Cathedral on May 30, 1989.
Bishop Killian Flasch, 1881-1891 — In spite of being afflicted with poor health, Flasch presided over a period of great growth and ethnic tensions that were common in dioceses throughout the country. After attending the Third Plenary Council in Baltimore, he returned with fervor behind the council’s advocacy of Catholic schools. He urged creation of a Catholic school in each parish.
Bishop James Schwebach, 1892-1921 — Born in Luxembourg in 1847, Schwebach became bishop at a contentious time, when controversy over Catholic education threatened to split U.S. bishops between Irish and Germans. He established an annual diocesan collection to support orphanages, successfully lifting the burden of annual “begging tours” of the diocese by the Franciscan Sisters of Perpetual Adoration in their quest to support their mission to run the institutions.
Bishop Alexander McGavick, 1921-1948 — Fresh off of his stint as an auxiliary bishop in Chicago, McGavick came to La Crosse with a reputation for his preaching skills, including the Chicago Tribune’s praise of him as “the best pulpit orator of the Roman Catholic clergy” in the Windy City. One of his proudest accomplishments was the founding of Aquinas High School, a regional coeducational model to which several local parishes sent their students.
Bishop Patrick Treacy, 1948-1964 — Upon his arrival in La Crosse in 1945 as coadjutor bishop with the right of succession to McGavick, Treacy promoted vocations and, as a vehicle to nurture them, spurred the founding of Holy Cross Seminary. The seminary opened in 1951, only to close 20 years later. It now is the Diocesan Center, the headquarters of the diocese and location of many of its ministries.
Bishop Frederick Freking, 1964-1983 — A strong proponent of encouraging use of the laity’s gifts, an advocacy he absorbed at the Second Vatican Council, Freking also fostered rural ministry. He reveled in talking shop in farming communities.
Bishop John Paul, a native of the Cathedral Parish, 1983-1994 — Paul, who had been appointed auxiliary bishop with the right of succession because of Freking’s failing health, has the rare distinction of learning of his elevation to bishop in a phone call from Pope John Paul II on Oct. 14, 1983. A gifted administrator, Paul’s initial actions were creating diocesan finance and presbyteral councils.
Bishop Raymond Burke, a diocesan native from Richland Center, 1985-1993 — Burke, who now is a cardinal, preceded the Jubilee Year of 2000 with three years of prayer, fidelity and obedience. Perhaps his most notable achievement was conceiving the idea for and launching the Shrine of Our Lady of Guadalupe on La Crosse’s far South Side, a popular destination of pilgrims.
Bishop Jerome Listecki, 2005-2010 — Listeski came to the diocese with three declared goals: promote Catholic identity, evangelization and stewardship. He also fostered a comprehensive pastoral plan for the diocese before being appointed archbishop of Milwaukee.
Bishop William Callahan, 2010-present — The Franciscan stated shortly after he became bishop that his priority is to instill in people the desire to heed Jesus Christ’s exhortation to “Seek ye first the kingdom of God.” In keeping with that mantra, Callahan promotes faith formation, Catholic schools and stewardship. In his initial interview with the diocesan newspaper, the Catholic Times, he said, “We go about what we say we believe and what we celebrate. And this is a matter of the corporal and spiritual works of mercy. So we go back to the 25th chapter of Matthew’s gospel and really work to build up those corporal and spiritual works of mercy.”

Fonte: http://lacrossetribune.com/chp/news/local/each-of-la-crosse-diocese-bishops-has-shouldered-particular-challenges/article_c61c705d-f744-5ffb-bd06-61f0ec807639.html